Cosa vedere a Valloria, il borgo delle porte dipinte

Sapevate che in Liguria, in provincia di Imperia, esiste un piccolo borgo nell’entroterra con meravigliose porte dipinte? Sono qui proprio per dirvi cosa vedere a Valloria, il borgo delle porte dipinte!

Come arrivare a Valloria

Non è difficile arrivare a Valloria. Se venite dall’autostrada, dovrete uscire a Imperia Ovest e, una volta raggiunta la strada principale, dirigervi dalla parte opposta rispetto a Imperia. Sulla vostra destra, subito dopo un semaforo, troverete le indicazioni per Dolcedo. E’ quella la strada da seguire e, dopo Dolcedo, comincerete a intravedere le indicazioni su come arrivare a Valloria. Le strade sono quelle tipiche dell’entroterra ligure, con molte curve e tratti sprovvisti di protezione, ma nulla di proibitivo. Basta andare piano e fare attenzione quando incontrate delle macchine davanti a voi.

Storia di Valloria

Prima di cominciare a raccontarvi cosa vedere a Valloria, vorrei prima parlarvi della storia di questo meraviglioso borgo.

Il nome Valloria deriva dal latino Vallis Aurea, che vuol dire valle dell’oro. Il motivo? L’olio, dal colore dell’oro, è stata la ricchezza di questo borgo fino a pochi decenni fa. Ora, infatti, Valloria, che non è riuscita a riconvertirsi dall’olivicoltura alla floricoltura, è vittima di un lento spopolamento, tanto che ad oggi conta solamente 34 abitanti. 

Murales all'ingresso di Valloria
Murales all’ingresso di Valloria

Tuttavia, grazie alle iniziative di riqualificazione del borgo nate con l’Associazione  “Le tre fontane”, stanno piano piano tornando le nuove generazione e, fortunatamente, non manca mai la presenza di turisti stranieri durante il corso dell’anno. 

Dal 1994, nacque un componente artistica che ha ridato lustro a Valloria. Infatti, alcuni pittori, invitati appositamente, avrebbero dipinto vecchie porte di stalle, magazzini e cantine dislocati nei vari carruggi del borgo. 

E allora cosa vedere a Valloria se non le sue bellissime porte? Ad oggi, se ne contano 151.

Cosa vedere a Valloria

Arrivati alle porte del borgo ligure, rimarrete subito affascinati da un grande murales alla vostra destra. Raffigura la raccolta delle olive, consuetudine che tempo fa dava lustro e ricchezza a Valloria. Infatti, in questo bellissimo borgo non troverete solo porte dipinte, ma anche alcuni murales. Dovrete solo guardarvi attentamente intorno per non perdervene nemmeno uno.

Se non sapete cosa vedere a Valloria, non preoccupatevi. Arrivati davanti alle tre fontane, dovrete girare poi a sinistra e, proprio di fronte a voi, sul muro, troverete l’indicazione “percorso consigliato”. Quindi, tutto quello che dovete fare è lasciarvi guidare da queste piccole indicazioni oppure, se preferite, lasciarvi guidare dal vostro istinto.

Cosa vedere a Valloria se non le sue meravigliose porte dipinte. Questa raffigura un uomo con un ombrello ed è una della prime che incontrerete.
L’uomo con l’ombrello

Valloria, infatti, è il tipico borgo ligure, diroccato sulle colline dell’entroterra, e brulica di carruggi caratteristici. 
La prima porta dipinta in cui vi imbatterete è proprio quella dell’uomo con l’ombrello, che vi apparirà davanti agli occhi appena scenderete la scalinata. Subito vicina a questo bellissimo dipinto, troverete un altro capolavoro: si tratta di una donna, con la schiena nuda e un bicchiere di vino rosso in mano, in punta di piedi, che sta cercando di prendere una bottiglia su una mensola troppo alta per lei.

Questa porta dipinta raffigura una donna con un bicchiere di vino in mano, che sta cercando di prendere una bottiglia da una mensola troppo in alto
Donna con bicchiere di vino

Guardatevi bene intorno, perché ogni porta racconta una storia diversa.
Non fatevi ingannare dalle stradine più buie, perché dal nulla potrebbe spuntare una porta dipinta che catturerà i vostri occhi e, chissà, magari anche il vostro cuore.

Personalmente, mi sono piaciute davvero tutte. Forse, però, la mia preferita è una porta blu, che rappresenta una sirena dai lunghi riccioli biondi che guarda malinconia la luna. 

Questa è la mia porta dipinta preferita. Raffigura una sirenetta sconsolata, che osserva la luna.
La Sirenetta e la luna

Sono comunque sicura che anche voi troverete la vostra porta del cuore.

Spero che la mia correlata di immagini di questo suggestivo borgo ligure vi siano piaciute e che, se siete alla ricerca di cosa vedere a Valloria, questi consigli vi possano tornare davvero utili.

Se vi piacciono i borghi liguri, vi invito a scoprire anche Taggia, in attesa di trovarne di nuovi.

6 commenti su “Cosa vedere a Valloria, il borgo delle porte dipinte”

Lascia un commento