Itinerario di 3 giorni a Bordeaux

Se avete un weekend a vostra disposizione, sicuramente Bordeaux è la meta ideale per voi!
Sono stata nella splendida cittadina francese da venerdì mattina a domenica sera, sfruttando quindi pienamente il fine settimana. Qui, troverete, quindi, il mio itinerario di 3 giorni a Bordeaux

Itinerario di 3 giorni a Bordeaux, con l’acquisto del Bordeaux City Pass!

Io solitamente panificio i miei itinerari nelle città europee a piedi, ma questa volta non ho potuto fare a meno di valutare, e quindi acquistare, il Bordeaux City Pass, che vi darà la possibilità di avere tutti i mezzi di trasporti gratuiti, quindi bus, tram, ma anche i battelli sulla Garonne, oltre ad avere davvero tanti vantaggi nella visita della città!

Itinerario di 3 giorni a Bordeaux
Itinerario di 3 giorni a Bordeaux

Quindi, il mio itinerario di 3 giorni a Bordeaux ha sfruttato le gratuità e gli sconti offerti da questo utilissimo strumento, che secondo me è fondamentale soprattutto se è la vostra prima volta qui. Ma direi di partire dall’inizio. 

Itinerario di 3 giorni a Bordeaux: giorno 1

Siamo atterrati all’aeroporto di Bordeaux la mattina presto e verso le 11 eravamo già in centro. Prima di iniziare il nostro tour per la città, siamo dovuti passare dall’Ufficio del Turismo di Bordeaux, a ritirare i nostri City Pass. Da qui, abbiamo finalmente potuto iniziare la nostra visita a Bordeaux

La Cité du Vin 

Come prima tappa del nostro itinerario di 3 giorni a Bordeaux non abbiamo potuto non scegliere la Cité du Vin, la bellissima mostra sul vino che è uno dei luoghi simbolici della città. Per raggiungerla ci sono varie alternative: il tram vi lascerà a pochi metri dall’entrata, così come il battello, sicuramente il mezzo più suggestivo per raggiungerla. 

La Cité du Vin
La Cité du Vin

Entrando prima di mezzogiorno, abbiamo potuto sfruttare l’ingresso gratuito grazie al Bordeaux City Pass, ma, prima di iniziare la nostra visita, abbiamo pranzato nel locale al piano terra. Contante che, per esplorare tutta questa suggestiva mostra, passerete almeno un paio d’ore qui.  Per tutte le informazioni relative alla Cité du Vin, vi rimando qui: Visitare la Cité du Vin

La Garonne

Finita la nostra visita alla Cité du Vin, stiamo tornati indietro con il tram fino in centro, per poi passeggiare lungo la magnifica promenade che affianca la Garonne. Ho sempre avuto un debole per le città che si affacciano sugli specchi d’acqua e, quindi, anche Bordeaux non poteva non piacermi tantissimo soprattutto per questo motivo!

Basilique Saint-Michel

Passeggiando lungo la Garonne, siamo andati fino alla Basilique Saint-Michel, una splendida basilica in stile gotico con un’altissima torre separata dalla struttura principale. Grazie al Bordeaux City Pass, potrete salire gratuitamente sulla torre, per ammirare un incredibile panorama della città. Ovviamente, io l’ho beccata in ristrutturazione. 

Itinerario di 3 giorni a Bordeaux: giorno 2

ll secondo giorno del mio weekend a Bordeaux abbiamo sfruttato una mattinata piena di sole per visitare tutte le attrazioni turistiche della città, non prima però di aver fatto una super colazione, senza glutine, in un posto speciale.

La Grosse Cloche

Il primo imponente monumento che si staglia di fronte a noi è la Grosse Cloche, una delle tante iconiche porte delle città. Anche in questo caso, lo stile della costruzione è tipicamente gotico, uno degli stili architettonici che amo di più al mondo. La particolarità è proprio la grande campana che si intravede tra le due torri e che sentirete suonare praticamente da ogni lato della città ad ogni ora del giorno. 

La Grosse Cloche
La Grosse Cloche

Torre Pey Berland 

Dalla Grosse Cloche, ci siamo poi diretti verso l’Hotel de Ville, per raggiungere un altro dei simboli della città: la Torre Pey Berland, uno dei must to see in qualsiasi itinerario a Bordeaux. Si tratta di una splendida costruzione isolata, situata dietro l’imponente cattedrale di Saint-André. Anche in questo caso, grazie al Bordeaux City Pass, potrete salire gratuitamente sulla torre, ma dovrete prenotare anticipatamente la visita, sul sito web dell’attrazione, perché le salite sono contingentate. Il motivo? Gli scalini sono davvero stretti e, sulla cima della torre, non ci stanno sicuramente più di una decina di persone. 

Torre Pey Berland
Torre Pey Berland

Vi consiglio di pensare bene alla salita su questa torre se avete problemi alle ginocchia o soffrite di vertigini, perché gli scalini sono 229, per salire i suoi 50 metri di altezza e poter finalmente ammirare una vista pazzesca su Bordeaux. Insomma, pensateci bene, ma sappiate che ne vale assolutamente la pena. 

Rue du Loup

Abbiamo poi attraversato Rue Du Loup che, per chi non lo sapesse, è una delle vie del cammino di Santiago di Compostela. La metto nel mio itinerario di 3 giorni a Bordeaux, perché quanto è bello poter affermare di aver camminato, seppure per pochi metri, lungo il cammino di Santiago?
E poi, grazie a questa strada, arriviamo diretti a un’altra attrazione della città.

Porta Cailhau 

La Porta Cailhau è un’altra delle suggestive porte di Bordeaux. Ne troverete, in realtà, sparse per tutta la città, ma questa è una delle più belle, perché sorge a pochi metri dalla Garonne. Anche qui, grazie al Bordeaux City Pass, potrete salire in cima alla porta gratuitamente, per ammirare le varie sale e, al piano superiore, una splendida vista sul fiume. 

Place de la Bourse

Dalla Porta Cailhau, camminando lungo il fiume, potrete raggiungere facilmente la pizza simbolo della città: Place de la Bourse. Questa immensa e suggestiva piazza è resa ancora più unica dallo spettacolo di luci e colori del Miroir d’Eau, uno specchio d’acqua artificiale che riflette appunto gli edifici che la compongono, ma che nei mesi d’inverno purtroppo non è in funzione.

Place de la Bourse
Place de la Bourse

Escursione nelle vigne di Bordeaux

Dopo una mattina impegnativa, è arrivato il momento di effettuare l’escursione nelle vigne di Bordeaux, organizzata dall’ufficio del turismo e, quindi, scontata con l’acquisto del famoso City Pass! La piccola gita nelle vigne della Médoc inizia alle 13.30 di sabato pomeriggio e si protrae fino alle 18 circa, quindi contate che vi ballerà mezza giornata, ma ne vale assolutamente la pena. 

Itinerario di 3 giorni a Bordeaux: giorno 3

Abbiamo deciso di passare un rilassato, ma caratteristico ultimo giorno a Bordeaux, partendo dal mercato più folcloristico, fino a terminare nelle vie pedonali dello shopping, per ammirarla per un’ultima volta con il naso all’insù. Abbiamo usato i mezzi fino al sabato sera, quindi per quest’ultimo giorno abbiamo deciso di passeggiare tra le vie della città. 

Marché des Capucins

Abbiamo trascorso, quindi, la nostra ultima mattinata a Bordeaux in uno dei luoghi più iconici della città, il popolare Marché des Capucins. Si tratta di un mercato al coperto pieno di colori e rumori, con prodotti non solo locali, ma anche dei paesi confinanti. Ebbene sì, troverete anche prodotti spagnoli, visto che i paesi baschi sono così vicini.

Qui, non potete non provare l’esperienza più tipica di Bordeaux: mangiare le ostriche da Chez Jean Mi. Trovare un tavolino sarà un’impresa, ma dovete assolutamente sedervi in questo suggestivo locale, per ordinare le loro buonissime ostriche, abbinate a un buon bicchiere di vino bianco. 

Ostriche da Chez Jean Mi
Ostriche da Chez Jean Mi

Il centro storico di Bordeaux

Concludiamo il mio itinerario di 3 giorni a Bordeaux con una lenta passeggiata nel centro storico, dove la mattina prima avevamo invece corso per poter visitare in tempo tutte le attrazioni. Qui, potremmo ammirare tutte le piccole piazze della città, con questi fatiscenti palazzi a farne da sfondo. Se avete tempo, potrete anche entrare nei negozi artigianali, riempirvi gli occhi con i colori dei tanti bistrot e magari assaggiare i dolci tipici di Bordeaux, i Canelets. Ne troverete ovunque e sono perfetti anche come regalo! 

Itinerario di 3 giorni a Bordeaux: conclusione

Si conclude qui il mio itinerario di 3 giorni a Bordeaux. Per una prima volta in questa incantevole città, ho deciso di dedicare quasi interamente al centro storico e ai luoghi simboli, dedicandomi solo a una escursione, doverosa, nei dintorni. Sono già pronta, però, a tornare in zona, perché non ho potuto visitare altri posti bellissimi attorno alla città, come la famosissima duna di Arcachon o il suggestivo villaggio di Saint Emilion.
Insomma, Bordeaux ha proprio tanto da offrire e spero di avervi davvero convinto a darle una possibilità!

20 commenti su “Itinerario di 3 giorni a Bordeaux”

  1. Mi ha incuriosito parecchio il tuo viaggio perché non avevo mai preso in considerazione un viaggio a Bordeaux ma credo che ci farò volentieri un pensierino

    Rispondi
  2. Peccato che il miroir d’eau non fosse in funzione; è l’unica cosa che sono riuscita a vedere in una tappa frettolosa a Bordeaux ma conto di tornare perché con i tuoi articoli mi hai proprio stuzzicato

    Rispondi
    • Spostandomi spesso a novembre, ho molte sfortune. Anche a Bucarest c’era una piazza che solitamente ha una fontana bellissima e io l’ho trovata chiusa, ovviamente.

      Rispondi
  3. Dato per assodato che uno a Bordeaux ci va seguendo l’alcolism…ehm… errr…. volevo dire seguendo un ben organizzato tour enogastronomico, non conoscevo il Marché des Capucins e sono certa che sarebbe il primo posto a vedermi come cliente affezionata!
    Pure i i Canelets mi vedrebbero come cliente affezionata, ma quello era ovvio!😂

    Rispondi
  4. Il mercato ed il centro storico sarebbero le mie prime tappe! Bordeaux dev’essere davvero interessante, la promenade scenica e sicuramente il City Pass aiuta a scoprire le attrazioni e muoversi senza pagare ulteriori costi.

    Rispondi
  5. Mi sembra proprio di capire che Bordeaux ti è piaciuta davvero tanto e ti credo perché è una città splendida, poco conosciuta da noi italiani e fuori dalle mete del turismo di massa. Mi ricorda Lione per certi versi e mi piacerebbe molto visitarla!

    Rispondi
    • Sono rimasta piacevolmente sorpresa, quindi direi di sì! A volte è meglio visitare queste piccole perle non troppo famose, piuttosto che andare nelle trafficate capitali.

      Rispondi
  6. L’itinerario proposto nell’articolo sembra un modo perfetto per esplorare questa affascinante città. Dalle sue rinomate vigne alle maestose piazze e ai suoi suggestivi lungofiume, Bordeaux offre un mix irresistibile di storia, cultura e delizie gastronomiche. Un viaggio di tre giorni che promette di essere indimenticabile.

    Rispondi
  7. Mi hai fatto incuriosire verso Bordeaux, o meglio ne ho avuto una conferma perché è da un pò che ci penso anche io come meta alternativa francese, direi che in 3 giorni si riesce a provare tante esperienze

    Rispondi
    • Direi di sì! In più, io mi sono lasciata la domenica abbastanza libera, ma se si sposta la visita alla Cité du Vin proprio l’ultimo giorno, il primo si potrebbe pensare ad una escursione alla Duna di Arcachon, che purtroppo ho dovuto lasciare indietro!

      Rispondi

Lascia un commento